Casa e consumi

Bonus energia elettrica: a chi spetta

Tempo di lettura minuti

Risparmiare sulle bollette di luce e gas riducendo i propri consumi spesso non basta. Essere al corrente delle regole e delle tutele riconosciute ai consumatori può fare la differenza.


Risparmiare sulle bollette di luce e gas riducendo i propri consumi spesso non basta. Allora essere al corrente delle regole e delle tutele riconosciute ai consumatori può fare la differenza.
Le famiglie in una situazione di difficoltà economica e quelle in cui vivono persone la cui vita dipende dall’uso di apparecchiature medico-terapeutiche hanno diritto ai bonus sociali per le bollette elettriche e gas. Entrambi i bonus, sia per il disagio economico sia, quando previsto, per la malattia grave, sono riconosciuti per dodici mesi. Al termine di tale periodo, per ottenere un nuovo bonus, il cittadino dovrà rinnovare la richiesta.

Bonus energia elettrica: a chi spetta

Hanno diritto al bonus energia elettrica tutti coloro che hanno stipulato un contratto di fornitura elettrica individuale per la sola abitazione di residenza e appartengono a:

  1. un nucleo familiare con indicatore Isee non superiore a 9.530 euro per famiglie con massimo 3 figli a carico;
  2. un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico e indicatore Isee non superiore a 20 mila euro.

In aggiunta, hanno diritto al bonus sociale elettricità tutti gli utenti nella cui abitazione è presente una persona affetta da una grave malattia che la costringe all’utilizzo di apparecchiature elettromedicali per la sopravvivenza, alimentate a energia elettrica. In questo caso, la famiglia deve presentare un certificato sanitario che attesti il tipo di apparecchiatura, la patologia a cui è dedicata, l’indirizzo, la data di installazione e d’inizio dell’uso.

Attenzione!

Ricordiamo che i bonus per l'energia elettrica sono cumulabili quando ricorrono entrambi i requisiti di ammissione al beneficio: per condizione di reddito e per necessità di salute.

Cosa fare

La complessità della procedura per ottenere i bonus sociali è tale che vi suggeriamo di rivolgervi direttamente alla Federconsumatori oppure ai Centri autorizzati di assistenza fiscale della Cgil (Caaf). L’elenco delle sedi dei Caaf Cgil presenti nella vostra regione è pubblicato nel sito ufficiale.

Inoltre, in tutta Italia sono disponibili gli sportelli del progetto Energia diritti a viva voce con l’obiettivo di sensibilizzare e formare gli utenti sulle tematiche dell’energia e sui vantaggi dei bonus sociali.

Questo articolo è realizzato da:

Sindacato Pensionati Italiani CGIL

Questo articolo è realizzato con il contributo di:

LiberEtà Federconsumatori

Condividi questo articolo sui social

Facebook X

Leggi anche…

Restiamo in contatto

Iscrivendoti alla newsletter riceverai le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta elettronica

Consenso e trattamento dati