Sanità

Orari di ambulatorio e visite domiciliari

Tempo di lettura minuti

Il medico di base non fornisce un servizio di emergenza e, pertanto, non è tenuto ad essere sempre reperibile. Occorre, quindi, essere informati sui suoi orari di studio e di visita domiciliare.


Il medico di base non fornisce un servizio di emergenza e, pertanto, non è tenuto ad essere sempre reperibile. Occorre, quindi, essere informati sui suoi orari di studio e di visita domiciliare, tenendo presente che per le emergenze esiste il servizio di pronto soccorso e, al di fuori degli orari di assistenza del medico di base, ci si può rivolgere alla “guardia medica” (ora “servizio di continuità assistenziale”).

Assistenza del medico di base

  1. giorni feriali: dalle 8.00 alle 20.00;
  2. giorni pre-festivi: dalle 8.00 alle 14.00.

In tale arco di tempo, il medico deve garantire l’apertura dell’ambulatorio per almeno 5 giorni alla settimana (ma non è fissato un orario minimo: il medico deve solo comunicare il proprio orario all’ASL ed esporlo all’ingresso dell’ambulatorio).
Il medico deve effettuare in giornata le visite domiciliari richieste entro le ore 10.00. Quelle richieste oltre le ore 10.00 possono essere rinviate alla mattina successiva, entro le ore 12.00. Tuttavia, le visite domiciliari non rappresentano, per il medico di base, un obbligo assoluto: egli può valutare discrezionalmente, caso per caso, l’opportunità o meno di effettuare la visita domiciliare, assumendosi, naturalmente, la responsabilità professionale di tale scelta e delle sue eventuali conseguenze.

Assistenza domiciliare programmata

In caso di malattie croniche che non consentono all’assistito di raggiungere l’ambulatorio, si può chiedere di essere ammessi al servizio di ADP.
La richiesta di ammissione al servizio deve essere rivolta al medico, che compilerà e inoltrerà la domanda all’ASL, alla quale spetta la decisione. In caso di accoglimento della domanda, il medico visiterà a domicilio l’assistito con frequenza predeterminata.

Questo articolo è realizzato da:

Sindacato Pensionati Italiani CGIL

Condividi questo articolo sui social

Facebook X

Leggi anche…

Restiamo in contatto

Iscrivendoti alla newsletter riceverai le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta elettronica

Consenso e trattamento dati